Alessandro D'Angeli | alessandro d'angeli, a’, A’, graphic, design, product design, furniture, grafica, d'angeli, corporate, art direction, immagine coordinata, outdoor design, indoor design, icon, whitenoise, white noise
ICON è un progetto di comunicazione di White Noise guidato dall’art direction di Alessandro D’Angeli e raccontato dagli intensi scatti di Serena De Angelis e Stefano D’Offizi che si incentra sulla realizzazione di una vera e propria collezione di immagini celebrative. Al centro di questo progetto ci sono i personaggi noti del mondo della musica, dell’arte e dei diversi ambiti dei mestieri creativi: cantanti, musicisti, chef, scrittori, giornalisti, figure “pop” note ai social. Il concept di ICON è dichiaratamente legato all’iconografia devozionale delle immaginette di figure sacre, i santini, ma si sviluppa con il carattere popolare e familiare delle figurine Panini. White Noise non vuole ironizzare sul concetto di devozione, vuole piuttosto attualizzarlo e valorizzare la tendenza a celebrare personaggi che si identificano così in vere e proprie icone. Ma se le raffigurazioni tradizionali sono illustrazioni con stile onirico e cromatismo tipico dei fumetti, i ritratti di ICON sono realistici e intensi disegnati da un bianco e nero strutturato, in cui gli sguardi oltrepassano la distanza tra protagonista e spettatore. In queste immagini, all’interno di un gesto grafico che, incorniciandole, ricorda la tradizione dell’incisione, si scorge l’intensità di queste figure. Se da un lato i social network raccontano l’umanità e l’imperfezione del personaggio nella quotidianità, dall’altro ICON pone il personaggio in una teca, lo incornicia in un ritratto che svela il suo carattere profondo e lo celebra in quanto figura iconica. I volti di ICON sono immagini degli idoli pop del mondo dell’arte: ognuno ha un numero che lo definisce come parte di un sistema molteplice in cui è catalogato e può essere, quindi, collezionato. Rendere Richard Benson un feticcio. Ora si può.
alessandro d'angeli, a’, A’, graphic, design, product design, furniture, grafica, d'angeli, corporate, art direction, immagine coordinata, outdoor design, indoor design, icon, whitenoise, white noise
4105
single,single-portfolio_page,postid-4105,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.3,vc_responsive

ICON

ICON è un progetto di comunicazione di White Noise guidato dall’art direction di Alessandro D’Angeli e raccontato dagli intensi scatti di Serena De Angelis e Stefano D’Offizi che si incentra sulla realizzazione di una vera e propria collezione di immagini celebrative. Al centro di questo progetto ci sono i personaggi noti del mondo della musica, dell’arte e dei diversi ambiti dei mestieri creativi: cantanti, musicisti, chef, scrittori, giornalisti, figure “pop” note ai social.

Il concept di ICON è dichiaratamente legato all’iconografia devozionale delle immaginette di figure sacre, i santini, ma si sviluppa con il carattere popolare e familiare delle figurine Panini. White Noise non vuole ironizzare sul concetto di devozione, vuole piuttosto attualizzarlo e valorizzare la tendenza a celebrare personaggi che si identificano così in vere e proprie icone. Ma se le raffigurazioni tradizionali sono illustrazioni con stile onirico e cromatismo tipico dei fumetti, i ritratti di ICON sono realistici e intensi disegnati da un bianco e nero strutturato, in cui gli sguardi oltrepassano la distanza tra protagonista e spettatore. In queste immagini, all’interno di un gesto grafico che, incorniciandole, ricorda la tradizione dell’incisione, si scorge l’intensità di queste figure. Se da un lato i social network raccontano l’umanità e l’imperfezione del personaggio nella quotidianità, dall’altro ICON pone il personaggio in una teca, lo incornicia in un ritratto che svela il suo carattere profondo e lo celebra in quanto figura iconica.

I volti di ICON sono immagini degli idoli pop del mondo dell’arte: ognuno ha un numero che lo definisce come parte di un sistema molteplice in cui è catalogato e può essere, quindi, collezionato. Rendere Richard Benson un feticcio. Ora si può.

TYPOLOGY

Art Direction

PRODUCED IN

2017

COLLABORATION

Serena De Angelis, Stefano D'Offizi

Date

27 dicembre 2017

Category

Art Direction